Quali sono allora le cause della perdita di un impianto dentale?

Spesso non è sempre facile identificare con precisione le ragioni della perdita di un impianto dentale.
Elenchiamo alcune principali cause che potrebbero portare ad un insuccesso in Implantologia dentale:

Cause di  fallimento precoce

  • Una scarsa densità ossea nella zona in cui si deve posizionare l’impianto.
  • Una non corretta pianificazione dell’intervento.
  • Una limitata esperienza ed abilità del chirurgo implantologo e del suo team.
  • Un utilizzo di impianti di qualità scadente.
  • Una insufficiente stabilità dell’impianto dentale alla fine del posizionamento dello stesso.
  • Un carico masticatorio eccessivo nei giorni susseguenti l’intervento.
  • Una non corretta riabilitazione protesica nei casi di carico immediato.

Cause di fallimento tardivo

  • Una perimplantite, che è un processo infiammatorio distruttivo dei tessuti intorno all’impianto dentale di cui non si conoscono ancora bene le cause.
  • Un tipo di riabilitazione protesica che non consenta corrette manovre di igiene orale
  • Una scarso impegno da parte del paziente nell’effettuare l’igiene orale domiciliare.
  • Una scarsa diligenza del paziente a sottoporsi ai controlli clinici e radiologici programmati .

Impianti dentali: scegliere bene a chi affidarsi.

Purtroppo, con il progredire del numero di interventi di implantologia dentale nel mondo (molte volte eseguiti in centri non qualificati) le percentuali di insuccessi sono aumentate.
Ci permettiamo di consigliare al paziente che desidera un’affidabile riabilitazione con impianti dentali di rivolgersi sempre a studi odontoiatrici che offrano le migliori garanzie di esperienza e serietà professionale.

6 segnali di allarme:

  1. Le tue gengive sanguinano quando spazzoli i denti?
  2. Hai notato degli spazi svilupparsi fra i denti?
  3. Senti mai le gengive gonfie?
  4. I tuoi denti appaiono più lunghi di prima?
  5. Ti accorgi, a volte, di avere l’alito cattivo?
  6. I tuoi denti sono diventati sensibili?